Connections and Particularities of Yihequan, Liguajiao, Hongquan and Meihuaquan

By Storti Enrico , original text in Italian 23/04/10 (translation 2022)

This is an image of the Unborn Old Mother
无生老母
, a deity that appears as a common trait of the heterodox sects of the Qing era. It is also mentioned in the Baojuan (Precious Scrolls) of the Meihuaquan.

Introduction

A technique of Dahongquan in Fengxian

This work of mine aims to bring back into the field the historical notions already widely documented and subjected to critical analysis especially by Chinese and American scholars. In Italian I found, at the height of these, only the Thesis of Dr. Smolari Fabio, but surely there will be other writings not to my knowledge. My work is much more modest and wants to be an incentive to others, more titled than me, to deepen, but above all to spread knowledge to all. In particular, I wanted to systematize the historical accounts of the links between Yihequan, Liguajiao, Hongquan and Meihuaquan that sometimes seem more than a simple case, but leaving the possibility open to the contradictory. In doing this I start from my belonging to the Meihuaquan School and from the research carried out on the spot on this style. The Meihuaquan is presented with remarkable variants both technical and cultural, indicating the influence of external experiences be they Doctrinal or Martial. It becomes therefore difficult to make a univocal speech and finally totally clarifying. In the same way the historical sources are unclear about the martial technique, so a comparison with the styles of Wushu is difficult, while the sources of the Boxing Schools are often self-referential. Of course, in the course of studying these issues for my part I have developed some beliefs, which may not even have a historical foundation, or rather are of a circumstantial nature. Far from proving it, reading the various historical texts I had the feeling that the the Meihuaquan is an emanation of Hongquan or vice versa, and that over the past three hundred years these two styles have strongly influenced each other. Liguajiao and Hongquan are probably related and Hongquan is the “military” branch of this sect. The Hongquan often concealed its name by using alternative names, such as Baguaquan, Liutangquan, Yihequan, etc. or changing the ideogram that was going to represent the sound Hong. Baguaquan is the name of various styles widespread in the area between Hebei, Henan and Shandong, but for example it is also the name of a Meihuaquan’s exercise. As we will see sometimes the styles was also hidden under the name of one of his exercises. The Wenshengquan is the result of the union between the Meihuaquan and the Hongquan. These themes will only be mentioned in the text that I organized in a particular way taking as inspiration the Schools of Boxing and the Doctrines and the names of some characters, trying to create a path that reconstructs some significant relationships between them. Of course, the Meihuaquan is the common thread and almost always appears, without having a dedicated section. I omitted to describe the story of Zhao Sanduo and to speak in a homogeneous way about Tianlijiao, because I found arguments marginal compared to those identified, although connected.

Shandong Map. The Shandong is one of the provinces where the events we are dealing with take place.

Yihequan (义和拳)

From a nominal point of view with the Yihequan there is a very common phenomenon: those, that, in western sources, in relation to the famous popular uprising against foreigners in China, have become famous as Boxer, actually they answered to the name of Boxers United in Justice, the Yihequan. This name first appears in official documents of the Qing Dynasty in investigations following the Wang Lun Uprising in 1774. In fact, the authorities began to investigate the environment of the Boxing Schools, which had greatly influenced and characterized the sectarian experience of Wang Lun.

Sato Kimihiko (1982):

…the I-ho-chuan was the same as the White Lotus religion or more precisely as the boxing which had combined with the military sect of Eight trigrams sect, Ching-Shui-chiao.

Despite this, there is not much information about the Boxing Schools of the time and it is difficult in some cases to trace them back to existing schools today.

The I-he-chuan (義合拳, Righteous Harmony Boxing) is one of the schools cited by Sato Kimihiko (1982) in relation to the Pure Water Sect, along with the Pa-kua-chuan (八卦拳, Eight Trigrams Boxing) and the Chi-Hhung-sin-chuan (七星紅拳 Seven Star Red Boxing).1

Esherick Joseph (1988, p.334) explain that:

Since the Qing code included no explicit prohibition of boxing (despite a Yong-zheng edict against it), the Yi-he Boxers (like all other mid-Qing martial artists) tend to appear in surviving documents only when some connection to prohibited sects can be claimed.

In particular, the Boxing School of the Uniteds in Justice appears from the documents as the military branch of a more complex structure, used by different groups with different purposes and intentions.

Always Esherick Joseph (1988, p.339-340) :

“Yi-he” was in fact quite a common name. We have already noted a pacific meditation sect, unconnected to the boxers, which had the same name. And a glance at any detailed map of northwest Shandong will reveal villages called Yi-he scattered across the plains. It is thus possible that two completely different groups of boxers came up with the same name—those in southwest Shandong more active among gamblers and yamen runners, those in the northwest entering into closer relationships with the White Lotus sects.

Zhang Rumei (张汝梅), the governor of Shandong at the time of the Boxers’ Revolt, was convinced that Yihequan (义和拳) was the same as Ba Hongquan (把红拳) and Meihuaquan (梅花拳). According to the Annals of Chiping County (茌平县志), the Yihequans began as Jinzhongzhao (金钟罩2). According to the Pingyuan County Outlaw Boxer Chronicle (平原拳匪纪事), the county magistrate stated that the Yihequans were said to be the Red Boxing

1As you can see, Sato uses the Wade-Gilles transliteration. This is the Pinyin: Yihequan, Baguaquan, Qixing Hongquan.

2The Jinzhongzhao is a type of “hard” Qigong (硬气功) that allowed to resist the blows of the stick and the cuts of saber, to resist the cannons of Westerners (不畏棒击刀砍,不畏火枪洋炮). The types of “hard” Qigong is still visible today within the Boxing Schools, especially in the countryside and within the Plum Flower School.

Association (红拳会)1. All these testimonies lead to think that the term Yihequan was a fairly common name used for various purposes and on particular occasions.

1Esherick uses wrongly “Red Brick Society (Hong-zhuan hui)”.

Flag with the words “groups united in justice”

Liguajiao and Wenshengquan

Training of a figure of Wenshengquan in Juncheng. In it you can see the incredible similarity with Xiaoshi of Meihuaquan.

The name Yihequan (义和拳) often crosses the history of an important sect, the Liguajiao sect (离卦教)1 and the Liguajiao had contact with the Meihuaquan. The Liguajiao also had an organization divided into Military Area and Civil Area (Wuchang and Wenchang).

Sato Kimihiko (1982) tells:

From the incident of the I-ho-chuan in 1778, 1783 and 1786, we can guess that the I-ho-chuan had close relationship with the Li () trigram, a branch of the Eight trigrams sect.

And again:

A careful examination of the materials on the boxing in this uprising such sources as those on general leader of the military sect, Feng Ke-shan (馮克善), the group members led by Sung Yueh-lung (宋躍龍) and the case of Ke Li-yeh (葛立業) who learned and practiced I-ho school boxing (義和門拳棒), show that I-ho school boxing had been practiced inside Sung Yueh-lung’s group in the Chili-Shantung boundary area, and that this group belonged to the chain of Li trigram. Hence we can easily identify the I-ho school as one of small regional group in the Li trigram in Eight trigrams sect. It becomes clear that the reason why boxing was combined with the Li trigram, representative of Wu trigrams, depends on the principle of organization. The boxing practiced in the Eight trigrams sect had been influenced by its religious thought, and came to have incantationary-religious characteristics, The I-ho-chuan and Eight trigrams sect in Chin-hsiang (金郷) county seem as though they were in conflict, but this example proves that there was a close relationship between the two.

Esherick (1988) thinks different. For him the meeting between the name Yihequan and the trigram Li was fortuitous, as we will see later.

The Liguajiao sect was founded by Gao Yunlong (郜云龙) who also played an important role in the establishment of the Wenshengquan (文圣拳). Liu Fengtian (刘奉天, 1617-1689), is considered the founder of this school along with Gao, who was his disciple, and the students of this school believes this two persons to have shaped the Wenshengquan, a method of boxing and internal work that contained the Yin Yang, Wuxing and Bagua theories (内含阴阳五行八卦的内功拳法).

Liu Fengtian, besides being considered the founder of the Baguajiao, was expert in the 108 lu chuifa (108 路捶法, method of striking in 108 streets) of military training (Wugong) and in cultural work (Wengong) in which he had the main role. He wrote the Bagua Ba Shu Ge (八卦八书歌 eight books songs of the Bagua). Gao Yunlong was very well versed in Sanshier shi Changquan (三十二式长拳, Long Boxing in 32 figures) and in Liuhe Daqiang (六合大枪, Spear of the Six Combinations).2

A greater confirmation of a connection between this style and the Liguajiao, one of the many names with which the Wenshengquan is known is Liguaquan (离卦拳). The most important, historically documented contact between Meihuaquan and Liguajiao concerns Feng Keshan, a member of the Huaxian Plum Flower School in Henan. Feng Keshan joined the Liguajiao in 1797 following the teachings of Wang Xiang and only in 1800 would he become a pupil of Tang Hengle in Meihuaquan.

1Esherick Joseph (1988, pages 333-334): The second document cited by Lao Nai-xuan is the more critical one, for it is a long memorial by Na-yan-cheng, who had directed the suppression of the 1813 Eight Trigrams rebellion. The memorial, from late in 1815, was on the occasion of the discovery of the Clear Tea sect (Qing-cha men) of the Wang family of Stone Buddha Village (Shifokou)—a family with a sectarian history dating back to the Ming dynasty.1 The memorial summarized Na-yancheng’s findings on all sects uncovered in connection with the 1813 rebellion, mentioning among them the Yi-he-men quan-bang (United in Righteousness School of Boxing and Cudgels), which was identified as one of many schools descended from the Li Trigram sect.

2From the official website of the Wenshengquan in Jining: http://www.chinesewensheng.com/

This is the lineage of Feng Keshan in the Liguajiao as it was rebuilt by Lu Yao (2000, p.170)

Wang Xiang belongs to the lineage of Gao Er. Gao Er in the Liguajiao is a fourth generation compared to Gao Yunlong. Interestingly, Wang Xiang is from the same city (Jining) where today the Wenshengquan continues to be passed down. According to some historians such as Esherick there was no real correspondence between the Schools of Boxing and Heterodox Religious Doctrines, but coincidentally there were contacts between these two realities, in an area where both were widely spread. Particularly in the Baguajiao organization and its Liguajiao branch, the military side (Wuchang) would gather techniques from different styles, or the style that was practiced on this side could be changeable. This would explain the association of some names of Pugilistic Schools in documents relating to the sectarian revolts in Shandong and its surroundings between 1700 and 1900.

Esherick (1988, pages 338-339) stresses even that boxing practitioners used to have more than one teacher with the aim of adding new knowledge to their technical knowledge:

The looseness of martial arts organizations generally, with boxers often switching teachers and adding new techniques, makes it quite possible that boxers in different areas could go quite different ways.

This is the story of the Wenshengquan, which brings other interesting information (Li Ruoxian):

[The Wenshengquan] according to oral accounts originated between the end of the Ming Dynasty and the beginning of the Qing Dynasty by Liu Zuochen (刘佐臣), the founder of Baguajiao(八卦教), and the union of United Civil and Military Working Methods (Wen Wu Gongfa Heyi, 文武功法合一) by his pupil Gao Yunlong (郜云龙). Gao Yunlong, as founder of Liguajiao, taught to Yang Sihai (杨四海). Yang Sihai during the period of Qianlong’s reign (1736-1796) successfully applied for the Imperial Civil and Military Examinations. He passed on his knowledge to Du Hengxin (杜恒信) of Jining (济宁) in Shandong, therefore [the Wenshengquan] was called Dujiaquan (杜家拳).

Following Esherick’s idea, Wenshengquan was probably the result of a synthesis of different systems, in particular of Dahongquan and Meihuaquan, in fact the presence in the transmission of this boxing of Yang Sihai, who is a master of Hongquan, but also practitioner of Meihuaquan1. Another indication of this mixture is the fact that the Liubujia, the basic structure of Dahongquan, in this school becomes Wubujia (五步架, structure of the five steps), exercise so called because it consists of five Figures in which you perform a particular twist work. This is very reminiscent of the Five Figures (Wushi) of Meihuaquan and could be the signal of a synthesis and a derivation also from this school.

1There is a lineage of Yang Bing that we will see later in which we find Yang Sihai.

Yang Sihai

A possible lineage of Wenshengquan

The lineage described by the Wengsheng Boxing School roughly follows that of the Liguajiao sect, which is well noted in the interrogations following some famous rioting, such as that of 1813, which also saw an attack on the Forbidden City by the insurgents. This is the reconstruction by Hubert Michael Seiwert (2003, P. 420):

a member of the Gao family in Henan was captured. In the confessions of Gao Tianyou the history of his sect is traced back to his ancestor Gao Yunlong. He had established the Ligua jiao as a disciple of Sir Liu from Shan county in Shandong who was an incarnation of Maitreya. After Gao Yunlong’s death the leadership of the sect was inherited by his descendants. “Sir Liu” here certainly refers to Liu Zuochen, the founder of the Shouyuan jiao, which later became known as Bagua jiao. Thus, from its very beginning the Ligua jiao was connected to the Liu family, and these connections are well documented in the eighteenth century. Gao Yunlong’s grandson still considered Liu Ke, who was Liu Zuochen’s grandson, as sect leader and regularly sent money to him. Three of his sons were arrested and executed in 1772 when Liu Shengguo was detected as leader of the Bagua jiao. Gao Tianyou, who was captured in 1813, was the son of one of their brothers who had escaped the persecution. The Gao family thus had transmitted leadership of the Ligua jiao for more than a century, and at least until 1772 maintained close relationship with the sect head of the Liu family. Like many members of the latter, Gao Tianyou held an official rank by purchase, which shows that the leaders of the Ligua jiao had become wealthy and well established. It does not seem that Gao Tianyou was actively involved in the rebellion of 1813, and in any case most of the sects that had branched off from the Ligua jiao acted independently and were not subordinated to the Gao family in any political sense.

continue…. the complete essay

Il pugilato di un ramo di Prunus mume

一枝梅拳

Inizio 起势 a
Inizio 起势 b

Un altro tipo di Meihuaquan è emerso dal Web. Questo è un ennesimo esercizio dello Shaolinquan. La formula ritmata 歌诀 o versificata (che si compone di coppie di frasi con 7 ideogrammi) ne spiega l’origine. Da esso si capisce anche che questo esercizio proviene dal sud della Cina, il sapore dello scritto è quello dei Rotoli Preziosi (Baojuan):

一枝梅拳源出嵩,时在明代皇嘉靖,

Il pugilato di un ramo di Prunus mume ha avuto origine sul Songshan, al tempo dell’imperatore Jiajing (1521-1567) della Dinastia Ming,

武僧赴边平妖寇,拔腿授艺传武功。

I monaci guerrieri andarono a pacificare i demoni invasori [probabilmente si riferisce ai cosiddetti pirati giapponesi],avanzarono insegnando la maestria e tramandando gli esercizi marziali 武功.

少步多拳密如雨,南徒不逊北僧勇,

Pochi passi e molti pugni fitti come la pioggia, i discepoli del sud non sono inferiori ai coraggiosi monaci del nord

南国高手数曹彪,艺通少林拳戈精,

Tra i numerosi esperti nel sud del paese c’è Cao Biao曹彪, la cui abilità è passata attraverso la perfezione nelle armi antiche della scuola di pugilato Shaolin

授于贤徒飞天豹,奇为一枝梅拳名,

insegnato dal discepolo devoto Apsaras Volante 飞天 Leopardo 豹, misteriosamente fu chiamato Pugilato di un Ramo di Prunus mume

八十七招均绝技,稳而不动泰然静,

ottantasette mosse anche di abilità consumata, stabile e non si muove calmo e immobile

山椿易守动而傲,拳打四门擒妖龙,

L’albero sacro della montagna cambia difesa muovendosi e rifiutandosi di cedere, colpisce con i pugni nelle quattro porte per catturare il demone drago

刚健有力含而柔,刚柔相济葆宗风,

la vigorosa inflessibilità che ha la forza muscolare contiene anche la flessibilità, il mutuo scambio tra flessibile ed inflessibile preserva lo stile unico della settanta

此拳高手乃高参,若练真意数十冬,

L’esperto di questo pugilato è un mentore, se pratica il vero significato per dieci inverni

大师宏含慈善志,度居南洋济众生,

Il grande maestro magnificente contiene intenzioni benevolenti, che si estendono fino ad aiutare tutte le creature viventi che vivono nelle province costiere del sud

广收门徒精授艺,桃李天下绿映红,

raccolse estesamente discepoli a cui tramandare la maestria raffinata, i suoi discepoli maturarono dappertutto [Tianxia]

南洋少林展雄姿,顶天立地魁群雄,

La diffusione dello Shaolin nelle province costiere del sud ha un aspetto maestoso, a capo di un gruppo di uomini potenti di grande statura e spirito indomito

若开一枝梅拳功,雄立武林南洋丛,

se inizia l’esercizio del Pugilato di un Ramo di Prunus, l’uomo starà nel consesso dei circoli marziali delle province costiere del sud

不负先师参公义,还须苦练此拳功。

per non tradire i maestri predecessori che partecipavano al mantenimento pubblico della giustizia, bisogna ancora praticare diligentemente questo esercizio di pugilato.

Entrambe le mani fanno tesoro 两手取宝
2.L’ Arhat esamina l’albero del cielo 罗汉盘椿 a
2.L’ Arhat esamina l’albero del cielo 罗汉盘椿 b
3.il grande santo mostra i palmi 大仙亮掌
4.ruotare il palmo per coprirsi dalla pioggia 反掌覆雨

continua…

Il Meihuaquan della Sala Wang Saichun

王赛春堂“梅花拳”

Il Meihuaquan della Sala Wang Saichun è il Meihuaquan praticato da Wáng Yàtài 王亚泰 un antenato 先祖 di quindicesima generazione della famiglia Wang che onorò come maestro un insegnante del Wutaishan 五台山. Principalmente diffuso nel villaggio Liaotian 寮田村, della città di Yonghan 永汉镇, nel “comune” di Longmen 龙门县, distretto della città di Huizhou 惠州市, in Guangdong.

La Storia

i praticanti di Meihuaquan di Liaotian sono famosi anche per la pratica della danza del leone

Gli antenati del clan della famiglia Wang erano originari del Shanxi 山西 che migrarono nel Fujian. Poi dal Fujian si trasferirono a Meixian 梅县 ed infine arrivarono al villaggio Liaotian. Il Meihuaquan della Sala Wang Saichun fu trasmesso da Wáng Yàtài ai membri del suo clan tramite la trasmissione orale, generazione dopo generazione ed ha circa 300 anni di storia.

I Contenuti Fondamentali

Questo Meihuaquan allena le sequenze in modo ordinato, allena a pensare in modo rapido, il movimento delle tecniche è diviso, mentre le interruzioni del movimento sono collegate. Il suo accompagnamento comprende gong 锣, tamburi 鼓 e piccoli cimbali 镲.

Questo l’elenco di tecniche di una sequenza : Il saluto con le mani giunte inizia con entrambe le mani che vanno da sinistra a destra, detto “figura cerimoniale” 礼数. Infilzare una volta nella posizione del cavaliere 一扎马步, passo del salire a cavallo seguendo il cambiamento del corpo 马上步随身换, inserire entrambe le mani 双手插入, calcio in volo davantio e dietro 前后飞脚,immagazzinare il vigore come la tensione dell’arco 蓄劲如开弓, il piede tocca terra in cinque punti 五尖脚落地, cioè interscambi di doppi inserimenti 双插, doppi fendenti 双劈 e calci 踢。Con concentrazione 凝神, raccogliendo il Qi 聚气, si ruota il corpo di 90 gradi, variando il salire a cavallo 马上 con il pugno lanciato 冲拳, il pugno angolato 角拳, il diretto 直拳 ed il pugno che collide 撞拳; entrambi i piedi dalla posizione del cavaliere centrale cambiano in una posizione del cavaliere bassa, entrambe le mani emettono vigore, veloci come il vento 疾如风, rapide come la scossa elettrica 快如电, leggere e fulminee 轻灵迅速. Trasforma il pugno in palmo 变拳为掌, ribalta ruotando davanti e dietro 前后翻转 e nuovamente trasforma il palmo in pugno 变掌为拳. Spazza frontalmente 前扫堂, pugno diretto lanciato 直冲拳, conosce sia l’ampio che lo stretto 知宽知窄, agilmente variabile 灵活多变. Spazza frontalmente 前扫堂, calcio volante destro in avanti 向前右飞脚, colpisce con le mani a grande stendardo 打大旗手, salendo a cavallo esegue la figura finale 马上收势, saluto con le mani giunte 作揖, l’allenamento è finito.

Le Armi Comuni nel Meihuaquan

Yan Zijie pratica la spada con un suo allievo immagine presa da https://www.bilibili.com/read/cv12217916

Armi Comuni 常规器械, di Yan Zijie

Traduzione e note di Storti Enrico, da “Introduzione al Meihuaquan”

(Questa è una dissertazione di Yan Zijie sull’utilizzo e l’allenamento delle armi che spesso sono patrimonio comune di tutti gli stili di Wushu e che, nel Meihuaquan, si differenziano da quelle definite Insolite che compongono un carretto. Il trafiletto riflette il modo di intendere il Meihuaquan del maestro Yan Zijie)

Il metodo di allenamento delle armi è di due tipi:

  1. un tipo ha passi e tecniche prefissate ed ha anche delle direzioni prefissate;
  2. l’altro tipo di metodologia non ha tecniche e passi prefissati ed è praticato muovendosi secondo le Quattro Porte e le Otto Direzioni (in questo caso inteso sempre liberamente).

Il Meihuazhuang è una scuola di esercizio marziale per andare in guerra dei campi di battaglia dell’antichità. Nei tempi antichi frequentemente lo scontro era mortale, non si era particolarmente attenti alle mosse infiorate, ogni movimento era “discostarsi dal falso e preservare il vero” 去伪存真 e mirava al cuore delle persone. Fendere a sinistra e spaccare a destra 左劈右砍, le Quattro Porte e le Otto Direzioni tutte potevano essere prese in considerazione per gli spostamenti. Contemporaneamente il lavoro marziale del Meihuazhuang presta attenzione al ritmo ed alla metrica. Le attuali dimostrazioni con le armi sono sincronizzate al meglio delle possibilità con la musica, nel tentativo di migliorare l’allenamento delle capacità cognitive umane e dell’istinto e stimolare il subconscio.

Nell’immagine due tipi di Grande Lama cioè quella delle Primavere e degli Autunni 春秋大刀 e quella con Tre Tasselli e la Testa di Demone 三缨鬼头大刀

Tra i Diciotto Tipi di Armi 十八般兵器 per spirito, coraggio e difficoltà la più importante è il Chunqiu Dadao 春秋大刀. Le sue caratteristiche sono tecniche di lama agili 刀法灵活, una grande varietà di cambiamenti 变化多端, fervore magnificente 气势雄伟, concentrazione nella forza 劲力贯注, veloce e feroce 快速迅猛, una mossa una postura 一招一势, movimenti essenziali 动作紧凑, una grande estensione 舒展大方. Il momento della pratica richiede di Affondare il Qi nel Dantian 气沉丹田, Contenere il Vuoto e Abbracciare il Qi 含虚抱气, il Qi e le Mutazioni sono Mescolati 气易相融, la Tecnica Corporea Vigorosa 身法传神, Inflessibile e Flessibile sono Interdipedenti 刚柔互用.

Dimostrazione di Grande Lama delle Primavere e degli Autunni presso Leijiacun, in occasione della commemorazione di Liu Maishou

L’abilità combattiva del Meihuazhuang oltre al combattimento a mano nuda, include anche l’applicazione di Sciabole 刀, Lancia 枪, Spada 剑, Bastone 棍 e di altri tipi di armi.

“Avvolgere la Testa con un Turbante” preso da Meihuadao di Zhang Wenguang

La Sciabola (Singola) 单刀 si muove scivolando veloce e scaltramente, con potenza coraggiosa e feroce 勇猛威武, con forza muscolare vigorosa 雄健有力. E’ conosciuta come “coraggio di cento soldati” 百兵之胆. Quando è utilizzata può fare le azioni di “inserirsi nella schiena” 背插, “coprire” 藏掖, “avvolgere la testa con un turbante”缠头裹脑; le tecniche di Sciabola 刀法 sono Veloci e Leggere 迅疾轻灵, con Rotazioni in Salto 跳跃旋转, Avanzamenti e Ritirate avvengono in modo Naturale 进退自如.

Tecnica di lancia dallo “Shoubilu”

La Lancia 枪 è il “Re di Cento Soldati” 百兵之王, lunga e acuminata, utilizza la destrezza come modo per vincere. Di profonda originalità, le altre armi hanno difficoltà a competere con essa; i movimenti delle tecniche di lancia 枪法 sono agili. La tecnica corporea permette sia di avanzare che di indietreggiare. Le tecniche di spostamento cambiano rapidamente.

Da Manuale della Spada Meihua

La Spada 剑 si chiama il “Sovrano delle Cento Lame” 百刃之君. Ha una grande estensione del vigore 气势大方, un portamento naturale e disinvolto 风度潇洒. Quando è applicata normalmente Prende in Prestito la Forza ed Emette la Forza 借劲使劲, Utilizza la Saggezza per Vincere 以智取胜; le tecniche di spada 剑法 sono facili e aggraziate e di grande estensione 飘洒大方, a volte inflessibili e a volte flessibili 有刚有柔, a tratti veloci e a tratti lente 有快有慢, a volte vuote a volte piene 有虚有实, si muovono in ogni sorta di modo 闪展腾挪, con un altezza modulata alle situazioni 高低起伏, muovendosi con un aspetto aggraziato.

Alcune tecniche di bastone dal libro Meihuazhuang di Han Jianzhong

Il bastone 棍 che è un arma senza lama, usualmente è detto “Testa di Cento Soldati” 百兵之首; le tecniche di bastone 棍法 sono coraggiose e feroci, veloci, piene di forza muscolare. Possono avere le azioni Aprire e Chiudere 开合, Ruotare ed Oscillare Abilmente 旋转圆熟, la Forza Muscolare Attraverso la Punta del Bastone 力透棍尖, spazzare orizzontalmente mille eserciti 横扫千军.

Nella pratica del Meihuaquan e allo stesso modo nella pratica delle armi non ci sono sequenze 套路 standardizzate. Ciò richiede al praticante di essere in grado di “avere mani senza aspetto prefissato e piedi senza passi prefissati” 手无定形、脚无定步. Ciò può allenare le capacità cognitive ed in particolare l’istinto. Infatti il pensiero logico a lungo termine tende a irrigidire il cervello, inoltre questo metodo di esercitarsi senza restrizioni e senza limiti, lasciando che la natura segua il suo corso, può permettere di liberare le proprie capacità cognitive [potenzialità cerebrali inespresse]. Le persone, solo nella situazione in cui il cervello è rilassato, possono generare più capacità intuitive ed istintive.

La Tecnica di Oscillazione (摆法)

I metodi di spostamento (descrizioni di Han Jianzhong)

La tecnica di oscillazione per il praticante di arti marziali è un metodo di camminata per spostarsi sul lato corto del rettangolo del campo di pratica. Lo schema nell’immagine descrive il metodo che si sporta sulla direttrice nord sud.

per esempio: il praticante passa dalla linea diagonale inferiore alla linea diagonale superiore, quando inizia la tecnica di oscillazione si è prima posizionati correttamente nella postura grande a sinistra.

Il piede sinistro fa un passo in avanti [ruotando il corpo] in direzione nord, la gamba sinistra forma la posizione ad arco (弓步) e la gamba destra rimane tesa, quando avanzo con il passo, il braccio sinistro segue andando verso il basso a coprire l’area davanti all’addome attaccata al corpo conclude l’oscillazione in direzione sinistra in alto.

D’altro canto il braccio destro dal lato destro cade a lato dell’anca, dopo averlo avvicinato fino ad affiancarsi, il piede destro fa un grande passo in avanti, dopo che il piede si è appoggiato a terra, la gamba destra è il posizione ad arco e la sinistra è tesa, quando avanzo con il passo il braccio destro andando verso il basso a coprire l’area davanti all’addome attaccato al corpo conclude l’oscillazione in direzione destra in alto, dritto incollato all’orecchio. Invece il braccio sinistro è piegato con il gomito orizzontale davanti al torace, il cuore del pugno sinistro è diretto all’interno appoggiato sotto la ascella destra . Ruotando lo sguardo a sinistra, si ottiene di stabilirsi nella Postura di Colpire la Tigre a destra (右打虎势).

Gli esercizi dei pali (zhuanggong) e del Dantian del meihuaquan

Cheng Yuanjiang程元江 ,梅花拳桩功及丹田功, in Zhonghua Wushu , 2017

Nota del traduttore: il video presenta tre esercizi simili, sia la ciotola sulle estremità (顶碗), ma anche portare un peso sulle spalle (负重), ponte di ferro (铁板桥). La “ciotola sulle estremità” nel caso del video ha tazze sulla testa e sugli avambracci. Inoltre come specificato nell’articolo spesso l’esercizio sui pali presentato riflette una visione molto parziale del meihuaquan ed aggiungo che sembra più una pratica reiterata dallo Shaolin.

Esercizio fondamentale della posizione del cavaliere di Shaolin

La scuola di arti marziali del pugilato del fiore di prunus mume (梅花拳) ha le sue caratteristiche tecniche distintive, nella pratica formale continua ad avere metodi di allenamento arcaici, nell’aspetto della tecnica di combattimento (技击) ha esercizi che possono rendere le persone talentuose e meravigliose. Secondo quanto scritto nei manuali di pugilato, il meihuaquan ha avuto inizio nel 213 a.C., durante il regno di Qianlong della dinastia Qing si diffuse nel distretto di Heze, patria delle arti marziali, e fino ad oggi ad Heze si è trasmesso fino alla ventesima generazione. Le caratteristiche tecniche del metodo di conseguimento di questa scuola di pugilato sono: sequenze semplificate (套路精简), ricchezza di contenuti, allo stesso modo possesso di fortissima natura di tecnica di combattimento concreto (实战技击), dal punto di vista dell’aspetto, possesso di tipologie di pugilato distintive ed uniche a seconda delle località di pratica. Il meihuaquan si concentra estremamente sulla pratica dell’esercizio dei pali (桩功), facendo sì che le sue tecniche di spostamento siano stabili (使其步法稳固), che la parte inferiore del corpo sia robusta (下盘扎实), che ne benefici la tecnica di combattimento, che si sia bravi nell’attacco e abili nella difesa (善攻能守). I movimenti del meihuaquan sono estremamente allungati (动作舒展大方), semplici e disadorni (古朴无华), le mosse e le figure prestano attenzione al metodo tecnico (招招式式讲究技法), ogni gesto e movimento sono strettamente collegati e reciprocamente annodati, ci sono molte tecniche di spostamento curvilinee (弧形步法) e metodi tecnici delle gambe di caduta sul terreno (地躺腿技法), le tecniche delle mani hanno molte varianti flessibili, feroci e veloci (手法快捷勇猛灵活多变), le tecniche delle gambe spietatamente precise e veloci (腿法狠奇快准), possedendo la peculiarità di “colpire con i pugni nello spazio in cui si accovaccia un bue” (拳打卧牛之地). Quindi riordinando gli Zhuanggong (esercizi dei pali) ed i Dantiangong del meihuaquan, forniamo ai numerosi amatori del wushu gongfu tradizionale studi pratici e riferimenti.

esercizio dei pali del meihuaquan 梅花拳桩功


le due immagini si riferiscono a
ciotola sulle estremità (顶碗)

Prepariamo due basi di forma rotonda con un diametro della dimensione sufficiente per interrare i pali di legno nel terreno, la parte interrata deve rendere fermo il palo. Il palo esce dalla superficie del terreno novanta centimetri a sinistra e a destra, la distanza tra i pali sarà la larghezza delle spalle del praticante. Se costretti, possiamo scegliere due sgabelli molto resistenti, alti circa 40 centimetri, pronti per essere utilizzati per la pratica. Il praticante in piedi naturalmente davanti ai pali, il piede sinistro verso il lato sinistro salirà con un passo in avanti su palo del lato sinistro, il piede destro verso il lato destro salirà sul palo del lato destro, entrambe le mani con i palmi uniti sono di fronte al torace, il dito medio allo stesso livello della punta del naso, entrambe le gambe con le ginocchia piegate in accosciata a formare la figura mabu, gli occhi guardano avanti, con animo sgombro il vigore è nell’estremità [nel capo] (虚灵顶劲), la testa è dritta (项直), la punta della lingua è appoggiata al palato (舌顶上腭), trattenere il petto e raccogliere l’addome (含胸收腹), sollevare il perineo (提肛).


portare un peso sulle spalle (负重)

Requisiti: quando si pratica la figura Mabu sui pali si deve ottenere che entrambe le gambe siano allo stesso livello, le ginocchia non devono oltrepassare la punta dei piedi, l’articolazione delle ginocchia e polpaccio formano 90 gradi, raccogliere l’anca e sollevare il perineo, le dita dei piedi artigliano la stabile superficie del palo. Chi inizia ad allenarsi senza basi può mantenere più alto il livello delle gambe, ma il corpo deve essere ben centrato, senza inclinarsi in avanti o indietro, stando immobile per circa 10 minuti, dopo un piccolo riposo si ripete l’allenamento. L’esercizio sui pali fondamentale utilizza il respiro nasale come tecnica.

le due immagini mostrano il
ponte di ferro (铁板桥)

Pratica profonda: si può mettere alla sommità della testa una piccola tazza di porcellana piena d’acqua, allo stesso modo ugualmente eretto e immobile sui pali, dai 10 ai 20 minuti, aumentando gradualmente fino a un’ora e l’acqua nella ciotola non deve fuoriuscire, quando tutto il corpo si sente rilassato e naturale si può indossare un panciotto pieno di sabbia (沙背心, 13 kg circa – 35斤), dei gambali pieni di sabbia (沙绑腿) legati sopra entrambe le gambe (5 kg – 10斤) polsiere piene di sabbia (沙臂包) legate su entrambe le braccia (5 kg – 10斤), quindi si rimane fermi per circa un’ora, il corpo non oscilla, la postura è corretta, la ciotola di acqua non è spruzzata, questo esercizio può essere fatto. Dopo l’allenamento si potrà togliere e mettere via la tazza piena d’acqua, il panciotto pieno di sabbia, le polsiere piene di sabbia ed i gambali pieni di sabbia, rilassare muovendo la vita (腰), le mani le gambe, il corpo per circa 10 minuti, simultaneamente si massaggerà (按摩) e strofinerà (揉磨) le braccia, le spalle, il bacino, le gambe, ed ogni altra parte. Il peso della sabbia nell’articolo è solo di riferimento, in realtà il perso è dettato dalla forza del praticante individuata da egli stesso. Vestiti di cotone, le polsiere piene di sabbia ed i gambali pieni di sabbia, possono essere fatti da se stessi, si possono anche comprare presso il negozio di attrezzature sportive per arti marziali.

esercizio del campo di cinabro del meihuaquan 梅花拳丹田功

L’immagine di un bassorilievo di epoca Han in cui il duca Dong (东王公) e la Regina Madre di Occidente (西王母). Il Duca Dong ha come caratteristiche divine l’essenza del sole e il Qi del vero Yang Cielo e Terra.

Il praticante usa una postura eretta naturale, con la faccia rivolta ad ovest, il corpo dritto e centrato, il corpo nella sua interezza rilassato, si raccoglie l’addome e si solleva il perineo, la lingua è appuntata al palato (舌顶上腭), si utilizza il naso per respirare, si deve leggermente distinguere profondo e lungo. Dopo una piccola pausa, le due mani si congiungono sopra l’addome, con i centri dei palmi opposti, si strofina circolarmente (磨搓) la superficie per 36 volte e poi dal basso verso l’alto usando un lavaggio a secco della superficie 36 volte, inoltre battiamo i denti 36 volte, respirando in modo naturale. Dopo un altra pausa, visualizziamo il vero soffio di Cielo e Terra (天地真气) che seguendo l’inspirazione affonda nel campo di cinabro (沉下丹田), nel campo di cinabro posizioniamo una reale rotazione a spirale, usando la rotazione oraria 36 volte, poi la rotazione antioraria 36 volte; dopo una breve pausa, pensiamo a custodire il campo di cinabro 3 minuti, quando si pratica abbiamo la saliva, che può essere inghiottita tre volte.

in questa immaginel’inspirazione è fatta con il naso mentre l’espirazione con la bocca, nell’esercizio come descritto invece è sempre con il naso

intenzione di custodire il campo di cinabro

Esercizio di conservazione: congiungere le due mani [i maschi la mano sinistra all’interno e la destra all’esterno, le femmine al contrario] mettendole sopra l’ombelico, sfregando circolarmente dodici volte in senso orario e dodici volte con la rotazione contraria cioè antioraria, premere (按压) 9 volte l’ombelico (quando si preme si inspira, quando si rilassa si espira), dopo una breve pausa, si farà una camminata rilassata. Prestare attenzione: non esercitarsi in caso di tuoni e pioggia, moderare i rapporti sessuali, come campo di pratica utilizzare un luogo che sia ben areato. Chi è vecchio o infermo può anche praticare seduto, insistere sulla perseveranza.

Tian Di Jun Qin Shi (terza parte)

(estratto da “Breve discorso a proposito del metodo di acquisizione militare e culturale del meihuaquan” , tradotto da Storti Enrico)

i “cinque Buddha”

Gli antichi hanno tramandato la maestria con due tipologie di metodi. Un tipo era la trasmissione tramite la scrittura. Per non divulgare all’esterno le conoscenze, si specializzarono nell’utilizzo di un certo numero di segreti mistici che provenivano da occidente e da oriente coprendo i principi tecnici reali. Il secondo tipo era la trasmissione orale con cui istruire segretamente gli allievi. Queste sono profonde teorie, dopo aver padroneggiato le teorie scritte, la tecnica di trasmissione orale segreta agli studenti, c’è l’abilità di ottenere la reale padronanza.

un immagine che fornisce una rappresentazione grafica dei cinque elementi in relazione al corpo umano
Altra rapprensentazione dell’associazione dei cinque elementi

Esempi di reale maestria nel meihuaquan: secondo la trasmissione orale dei segreti agli allievi da parte dei maestri di meihuaquan le tecniche di pratica ascetica, “Tiandijunqinshi” richiede “cinque incensiere” (五炉), “cinque incensiere” richiedono “cinque Buddha” (五佛), “cinque Buddha” richiedono “cinque elementi”, “cinque elementi” richiedono il “fiore di Prunus mume”, il “fiore di Prunus mume” richiede “cinque soffi” (五气), “cinque soffi” richiedono “cinque inizi” (五元), “cinque inizi” richiedono “cinque porte” (五门), “cinque porte” richiedono “cinque cavità”(五穴), ecc. ecc.

Immagine dei Cinque Antenati. Nel sito da cui l’ho presa è messa in relazione ai Cinque Buddha

Tian Di Jun Qin Shi (seconda parte)

(estratto da “Breve discorso a proposito del metodo di acquisizione militare e culturale del meihuaquan” , tradotto da Storti Enrico)

La frase idiomatica “buon tempo per le colture” 风调雨顺 si lega ai Quattro Grandi Re Celesti che troviamo a protezione degli ingressi dei templi Buddisti

I discepoli del meihuaquan pertanto conservano ed adorano “Cielo Terra Sovrano Parenti e Maestri”, cioè il contenuto fondamentale del lavoro culturale o religioso.

Documentato in un “Manuale del meihuaquan”, il “Cielo” è il buon tempo per le colture; la “Terra” è raccolti abbondanti di ogni cibo; il “Sovrano” è l’imperatore; si può dedurre che oggigiorno il “Sovrano” sia l’attuale sistema governativo e che i discepoli del meihuaquan debbano seguire le leggi e le regole dello stato e della società;

L’altra frase idiomatica “raccolti abbondanti di ogni cibo” 五谷丰登 è qui rappresentata

i “Parenti” è il dimostrare rispetto ai progenitori; i “Maestri” hanno il significato di rispettare il maestro e amare gli studenti. Riassumendo, i discepoli del meihuaquan credono che “Tiandijunqinshi” siano Cielo e Terra in coppia, la Società, i Progenitori, i Maestri fondatori, come entità da venerare. Essi rivelano pertanto l’essere mondo naturale e società e mostrano il reale aspetto di relazioni etiche di affetto famigliare.

Tian Di Jun Qin Shi (prima parte)

(estratto da “Breve discorso a proposito del metodo di acquisizione militare e culturale del meihuaquan” , tradotto da Storti Enrico)

Le scritte “Tian Di Jun Qin Shi” nell’area di Qingfeng/Neihuang

I discepoli di meihuaquan che studiano il “lavoro culturale” (wengong), tutti hanno nella propria abitazione una stanza principale che è una sala in cui ricevere gli ospiti (nelle aree di Puyang, Qingfeng e Neihuang), oppure una stanza nella parte ovest o nella parte est (in Shandong ed Hebei), oppure ancora una stanza separata dalla casa costruita appositamente, sul cui muro principale tutte custodiscono ed adorano una tavola scritta, con su scritto “Cielo Terra Sovrano Parenti Maestri” (nelle aree del Sichuan e del Shaanxi si utilizza invece “Cielo Terra Stato Parenti Maestri”), cinque grandi caratteri. Questa è esattamente la caratteristica delle pratiche ascetiche del lavoro culturale del meihuaquan.

Esempio esterno al meihuaquan della scritta “Tian Di Guo Qin Shi”

Baojian feng cong moli chu, meihua xiang ziku han lai

Di Storti Enrico

La frase del titolo è all’interno delle due calligrafie laterali, calligrafie di 7 caratteri come quelle di Chang Dsu Yao

Nel meihuaquan, come riportato anche da Ren Junmin e Yan Yan nel loro libro “Mei Hua Zhuang ”, è utilizzato il detto

Il taglio delle lama della spada preziosa è prodotto dall’affilatura sulla mola, la fragranza del fiore di Prunus mume dal freddo pungente che arriva

宝剑锋从磨砺出,梅花香自苦寒来

Questa frase idiomatica (chéngyǔ) è presa da un testo dell’epoca Ming:

“scritti virtuosi a proposito di precauzioni contro disastri imminenti – volume sulla perseveranza” (警世贤文·勤奋篇).

Come si evince in modo molto immediato e spontaneo, sia dalla frase, sia dal titolo del capitolo da cui essa è presa, in essa si pone enfasi sull’essere perseveranti come virtù che permette il superamento delle avversità.

Secondo Salvatore Natoli (Perseveranza, edizioni il Mulino, che consiglio vivamente di leggere) perseveranza è una

parola che indica in generale una forma di condotta e, relativamente agli individui, un tratto del carattere.

Per poi spiegare laconicamente che

se una parola come “perseveranza” – originariamente dal significato così forte e che per secoli ha indicato lo stile morale necessario per tenere fede alle proprie convinzioni a fronte delle più dure difficoltà – è man mano venuta meno è probabile sia venuta meno anche la pratica che designava.

Oggi per contro la perseveranza è associata alla rigidità, in contrapposizione ad una società che richiede flessibilità ed adattamento e Natoli propone di ridare vitalità e significato a questo concetto.

Un immagine che è associata al significato dell’esagramma Heng

Nell’ Yìjīng, cioè il Classico dei Cambiamenti, c’è un esagramma che è spesso tradotto con “perseveranza”, cioè héng 恒. Ad esso è associata questa sentenza:

perseveranza, cioè proseguire con successo, senza colpa, beneficio nella coerenza, c’è beneficio nell’andare a prendere posizione

恒亨无咎利贞 利有攸往

A questo esagramma qualcuno mette in relazione anche la frase idiomatica che prenderemo in considerazione di seguito.

Daniele Averna riporta un altro detto che si collega al “gōngfu”, cioè al Kungfu con cui in occidente e nei tempi moderni sono indicate le arti marziali Cinesi. Questo il detto preso da una poesia di Lǐ Bó (699-762) :

se si vuole il kungfu più profondo, bisogna sfregare una barra di metallo fino a farla diventare un ago

只要功夫深铁杵磨成针

Oltre a notare che anche questa frase si riferisce alla lavorazione del ferro sulla pietra, sottolineiamo come il termine “gōngfu” indica il senso di “maestria”. Per usare un termine più moderno potremmo utilizzare la parola “padronanza”, cioè il ripetere delle azioni fino a quando ci sentiamo di farle veramente bene. In questo senso possiamo parlare di “perseveranza che ci permetta di costruire maestria”.

Di recente poi Scott M. Rodell ha pubblicato in facebook una parte di una poesia che si intitola “ Jiànkè” 剑客, cioè “lo spadaccino errante”. Anche in questa poesia di Jiǎ Dǎo (779-843) ritroviamo la lavorazione di una lama di spada:

Per dieci anni ho affilato una spada,

la fredda lama non l’ho ancora messa alla prova.

Oggi la impugno mostrandola al sovrano,

chi soffrirà un ingiustizia?

十年磨一剑, 霜刃未曾试. 今日把示君,谁有不平事?

In questo caso oltre alla perseveranza, c’è il dovere morale per chi ha raggiunto la maestria di lottare per la giustizia.

bassorilievo di epoca Han che raffigura un combattimento tra uomini armati di spade

Questo concetto si lega ad un capitolo dell’antico classico Zhuāngzǐ, classico che prende il nome dal suo presunto autore. Un articolo di Romain Graziani traduce il titolo del trentesimo capitolo in “Persuadere con la spada”. Noi preferiamo tradurre “shuōjiàn说剑”in “discutere sulla spada” oppure “critica della spada”. Il pensiero del maestro Zhuāng predilige il “non agire” e cerca di convincere il sovrano a non utilizzare le armi.

Possiamo concludere ritrovando in questi tre scritti tre caratteri della perseveranza del fiore di Prunus Mume: la capacità di resistere alle avversità, la capacità di persistere nell’esercizio in una tensione al miglioramento continuo, la capacità di reagire all’ingiustizia e quindi di raddrizzare i torti aiutando gli altri, ma anche quella ove possibile di dirimere pacificamente le dispute. Sono queste capacità ancora utili per la società e per l’arte marziale?

Bibliografia

  • Averna Daniele, Il Kungfu attraverso il linguaggio
  • Graziani Romain, Persuasion à la pointe de l’épée : l’imagination thérapeutique en action. Étude du chapitre 30 du Zhuangzi
  • Natoli Salvatore, Perseveranza
  • Ren Junmin e Yan Yan, Mei Hua Zhuang – Une pierre précieuse de la culture traditionnelle chinoise
  • Rodell Scott M. , Jianke – the Swordsman
  • Zhuangzi, Library of Chinese Classics