Intervista a Zhao Daoxin – prima giornata (seconda parte)

tifosi ad una partita di calcio

Ho inserito in corsivo una serie di commenti personali, sempre per non rimanere ancorati ad una verità incontrovertibile, che venga da una o dall’altra fazione.

Huang: La storia della Cina ha innumerevoli personalità di talento che si sono dedicate alla pratica delle arti marziali. Inoltre, in Cina ci sono centinaia e centinaia di pugilati diversi, ognuno con le proprie particolarità. Non si può ancora dire che il contenuto delle arti marziali cinesi 中华武术 non siano abbastanza “ampio” 博大 [di solito è utilizzato per indicare una cerchia di eruditi], giusto?

Zhao: Nei tempi antichi, tutte le persone nel paese di Lu indossavano abiti confuciani ma c’era un solo erudito confuciano (penso si riferisca allo stesso Confucio). La Cina della nostra epoca ha un enormità di persone, ognuna che si prostra al cospetto di un fitto bosco di scuole e ciò si può dire che appaia come un grande dettaglio. Quante possibilità può avere la persona di studiare per applicarle e ottenere successo nell’impegno di una vita? La stragrande maggioranza degli sport nel mondo, in particolare gli sport che hanno raggiunto il loro apice come il calcio [che guarda caso, come per altri sport di squadra, possiamo dire che si tratta di “combattimenti” di gruppo], sono composti da una piccola parte di atleti e da un’ampia parte di tifosi che fanno da spettatori, mentre la realtà cinese delle arti marziali è invertita: ci sono molti praticanti di arti marziali e pochi spettatori.

immagine che mostra bene la partecipazione ad una riunione di Meihuaquan a Wuqiang

[su questo punto mi sento di dissentire. Penso che l’errore di ragionamento da parte di Zhao provenga dal fatto che poco conosce la realtà del Calcio: in Italia sono moltissimi a praticare il calcio, distinguendo tra professionisti ed amatori. Tra gli amatori stessi ci sono diversi livelli, tra cui coloro che non sono per nulla tesserati e giocano partitelle. Non è molto diverso dalla realtà cinese in cui esistono dei professionisti del Wushu e degli amatori del Wushu. Forse il Wushu Sportivo professionale non ha un seguito come quello del Calcio, ma il Wushu amatoriale osservato nelle campagne ha un largo seguito di appassionati spettatori. Questo potrebbe essere l’ambito di sopravvivenza del Wushu]

Ma il livello generale dei praticanti di arti marziali è insufficiente per essere paragonato a quello degli atleti. Tra loro ci sono quelli che agitano sciabole, lance, spade e alabarde nelle loro case; c’è chi fa delle torsioni e chi si abbandona a chiacchiere senza fine nei parchi [continuando con il confronto rispetto al Calcio, quello delle chiacchiere non manca nemmeno nel calcio, dove ben conosciamo le discussioni “da bar” al proposito, oppure coloro che eccellono nel palleggio senza riuscire a essere efficaci nelle partite]; c’è chi, nelle sale di allenamento 武馆 o nei campi sportivi 操场, si mette a gesticolare o a ballare al minimo comando dell’istruttore, essi esattamente sono considerati pugili 拳手 o amatori 拳迷 ?

[si potrebbe tradurre con “che hanno perso il pugilato”; ma sempre seguendo l’esempio del calcio, si può osservare che tutto ciò che crea movimento sportivo e interesse attorno all’attività, è positivo per la sopravvivenza e lo sviluppo del calcio nella società moderna, siano esse chiacchiere, virtualismi, partitelle tra bambini o addirittura videogiochi; sempre a livello critico, è poi importante sottolineare come sia il calcio che altri sport molto affermati non siano esenti da problematiche e da influenze negative rispetto al loro moderno sviluppo.]

Quante sono le persone possono essere incluse nella tua cerchia “ampia”? Ciò che è preoccupante è che il numero di persone in questa cerchia si sta riducendo drasticamente, perché la società odierna ha molti più modi in cui i giovani possono sfogare le loro energie. Bene, non ho altro da aggiungere, ti chiedo solo, ogni volta che ti svegli dal “sogno di ampiezza” [博大之梦, sogno di grandezza] di contare il numero di persone , e vedere se ci sono più giovani nelle palestre di arti marziali o nelle discoteche? Ci sono più persone a guardare le dimostrazioni di taolu o le partite di calcio? [questo però è un problema che riguarda tutti gli “sport” cosiddetti minori] Confermo il fatto che ci sono centinaia di scuole, ognuna delle quali afferma di avere una sua particolarità. Tuttavia, mi citeresti anche solo una decina di pugilati capaci di imporsi, con l’accento sull’innovazione e la pratica reale, nel campo degli sport da combattimento? Esistono tipi di allenamento diversi che possono rivoluzionare le prestazioni istintive del corpo umano nel combattimento? Poiché il territorio cinese è molto più ampio di ciò che permetterebbe gli scambi tra le scuole di arti marziali e siccome la maggior parte dei praticanti è ancora conservatrice e superstiziosa, o vive in eremitaggio, si blocca il flusso di informazioni mantenendo un aura misteriosa. Se le cose andranno avanti così, nell’arte di pugilato lo stesso tipo di concetto 概念, di principio 原理 e di metodo 方法 in molti casi potrà avere semplicemente nomi non in grado di essere ricordati univocamente, seguendo la filosofia razionale molti di essi potranno essere semplicemente ricopiati meccanicamente ed applicati indiscriminatamente e ci saranno molti movimenti rituali strani e curiosi all’interno delle scuole 门派 che non avranno nulla a che fare fare con l’attacco e la difesa 攻防. [mi trovo molto d’accordo con questo assunto]. Supponendo che ci liberiamo di quelle scuole rigide e dogmatiche che traggono i loro principi da ciò che è “già inventato”, e procediamo ad un’analisi con metodi scientifici, è chiaro che le arti marziali cinesi non appariranno così grandiose. Ma i praticanti dell’Arte Nazionale “meno grandiosa”, una volta che incontrano un nemico forte, si stereotipano cambiando in concatenazioni “colpo di pugno 拳击 + calcio laterale 侧踹 + abbracciare e cadere 抱摔”, o peggio si traformano in pestaggi selvaggi da popolani. In questo momento, dove sono finite le migliaia di arti marziali cinesi? Anche se non osiamo dire che la nostra “cassa del tesoro” 瑰宝盒 è un contenitore “vuoto”空虚, almeno non si dovrebbe dire che sia così “ampia”博大, giusto?

Prima Giornata Prima Parte

Prima Giornata -Terza Parte

Seconda Giornata – Prima Parte

Secondo Giorno – Seconda Parte

Terza Giornata – Prima Parte

Intervista a Zhao Daoxin – Terzo Giorno (Seconda Parte)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...