I Cristiani si Difesero

Questi appunti sono presi da “The Boxers, China, and the World”, un libro che descrive la rivolta dei Boxer da un punto di vista spiccatamente più cattolico.

Pag.24

Quando il fermento anticristiano iniziò a costituirsi nell’area degli Shibacun, durante il conflitto con i Pugili del Fiore di Prugno di Zhao Sanduo nell’autunno del 1898, Remi Isore, il prete gesuita locale, fu in grado di persuadere la sua congregazione presso Zhaojiazhuang ad organizzare una forza di autodifesa cristiana. Albert Wetterwald costituì un altro gruppo armato nella vicina Weicun.

I combattenti cristiani erano abbigliati di copricapi bianchi con su disegnata o una croce rossa o un immagine del sacro cuore.

Pag.25

Il 17 luglio … una forza dei Boxer apparve all’improvviso nella piana di Daming, con bandiere e trombette. La milizia cristiana immediatamente si mosse in formazione da battaglia, capeggiata da Wetterwald, revolver in pugno. Dopo questo primo scontro, il giorno dopo una forza di mille boxers si avvicinò ancora una volta in direzione di Daming, ma la forza cattolica li attaccò da tre lati, costringendo i boxers a ritirarsi, lasciando dietro di loro un certo numero di vittime e di armi. Secondo Wetterwald, Zhao Laozu (i.e. Zhao Sanduo) fu uno dei primi a fuggire. In questo scontro sessantotto boxers furono uccisi o feriti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...